E' diretta ad evitare il dramma dell'abbandono e a ricreare un ambiente familiare sereno per il minore nel cui interesse si agisce.

I requisiti sono:

  • la dichiarazione dello stato di abbandono di un minore;
  • l'idoneità dei coniugi ad adottare.

Competente a emettere entrambi i provvedimenti è il Tribunale per i minorenni nel cui distretto si trova il bimbo abbandonato.
L'adozione vera e propria è preceduta dall'affidamento preadottivo e, una volta intervenuta, spezza ogni vincolo di parentela fra il minore e i suoi familiari naturali, conferendo al bambino lo stato di figlio legittimo degli adottanti.
Con la legge 28 marzo 2001, n. 149 sono state introdotte alcune modifiche: l'elevazione della differenza massima di età fra chi adotta e l'adottato a 45 anni; la possibilità per i figli adottivi di conoscere le proprie origini biologiche; l'affidamento dei bambini a famiglie o a comunità di tipo familiare e non più agli istituti , che, a partire dal 2006, dovranno sparire. La nuova legge inoltre riconosce le convivenze civili: sono sempre solo le coppie sposate a poter adottare un bambino, ma tra gli elementi di stabilità della coppia adesso è possibile considerare anche gli anni di convivenza. Inoltre, la differenza massima di età tra genitore e figlio adottivo è di 45 anni (e non di 40 anni). Tra le altre novità, il fatto che i minori se capaci di discernimento debbano essere ascoltati sempre, e il dovere per i Tribunali di informare gli aspiranti genitori adottivi sullo stato del procedimento.

Interventi previsti dal servizio

L'adozione, in quanto esperienza di accoglienza di un minore in stato di abbandono, richiede da parte della coppia adottiva un complesso "lavoro mentale" finalizzato a superare le resistenze relative all'accettazione della storia del minore. Tali resistenze sono spesso correlate alla mancata procreazione che richiede un complesso processo di elaborazione. Una buona abilità introspettiva nonché la capacità di investire su modalità genitoriali, non necessariamente di natura biologica, sono funzionali ad una scelta adottiva consapevole. E' necessario pertanto, nella fase di valutazione, accertarsi che vi sia nella coppia un buon livello di consapevolezza circa il significato dell'essere genitore "non biologico". Proporre, a chi è interessato al percorso dell'adozione nazionale e/o internazionale, occasioni di confronto con figure professionali che orientino nella scelta, rappresenta una modalità innovativa mediante la quale offrire, oltre ad informazioni circa l'iter da seguire, anche spunti di riflessione rispetto alle implicazioni psicologiche correlate all'esperienza adottiva. L'iter valutativo, se preceduto da un percorso formativo strutturato, finalizzato a potenziare le risorse personali e di coppia, funzionali all'assunzione del ruolo di genitore adottivo, diventa un peculiare spazio di consultazione. In tale contesto la coppia, abbattute gran parte delle resistenze nei confronti degli operatori psicosociali, ha maggiori possibilità di esplorare e consapevolizzare desideri, aspettative e timori che ruotano attorno al bambino "immaginato" e "reale". Il clima di fiducia, così instauratosi, rappresenta, sul piano relazionale, lo "sfondo" ottimale su cui costruire un rapporto continuativo con l'utenza, che possa colmare i vuoti creati dalle lacune legislative. L'inevitabile cambiamento, che le dinamiche familiari e di coppia subiscono sia nella fase di inserimento del minore, che in quella successiva di integrazione, necessita di un percorso di sostegno, da attuare anche in contesto di gruppo, che si configuri come spazio per la consapevolizzazione, l'accettazione e la metabolizzazione sia del vissuto del minore che dei processi intrapsichici e relazionali, legati all'esperienza adottiva. Al fine di prevenire l'insorgenza di crisi familiari e di coppia e quindi di un eventuale fallimento dell'esperienza di accoglienza, si ritiene opportuno altresì coinvolgere tutti gli attori dell'adozione, compresi il minore adottato ed eventuali altri figli biologici o adottivi nelle iniziative di sostegno proposte dal Servizio.

DESTINATARI DELL'INTERVENTO

  • Coppie e/o famiglie adottanti
  • Coppie e/o famiglie adottive
  • Minori adottati
  • Insegnanti delle scuole coinvolte
  • Alunni delle scuole elementari e medie inferiori
  • Comunità locale
  • Modalita' operative

Al fine di incrementare le richieste di consulenza psico-pedagogica da parte dei genitori adottivi e degli insegnanti è attivo:

Servizio di consulenza psico-pedagogica rivolto ad operatori scolastici in merito alle problematiche dell'area cognitivo-comportamentale, emotivo-affettiva e relazionale di alunni in adozione.
Al fine di incrementare le conoscenze circa le peculiarità della genitorialità "non biologica", si realizzano:

Percorsi esperienziali rivolti ad alunni di età compresa tra i 9 e i 12 anni di alcune scuole elementari e medie del comprensorio
Percorsi formativi di gruppo rivolti a coppie adottanti
Al fine di incrementare le richieste di consulenza psicologica da parte di coppie e/o famiglie interessate all'esperienza dell'adozione si creano:

Spazi di orientamento circa la scelta adottiva
Al fine di incrementare le richieste di sostegno psicologico da parte delle coppie e/o famiglie adottive si attivano:

Percorsi esperienziali di gruppo (gruppi di self help e gruppi di crescita)

METODOLOGIE utilizzate

  • Focus group
  • Brain storming
  • Gruppo di self help
  • Gruppo di discussione
  • Gruppo di crescita
  • Role playing
  • Circle time
  • Osservazione
  • Colloquio psicologico
  • Consulenza psicologica e pedagogica

RISORSE STRUMENTALI

  • Questionari strutturati
  • Relazioni degli operatori

INCONTRI

Al fine di promuovere la cultura sugli affidi e le adozioni la nostra associazione ha promosso,e continua a promuovere, incontri con la cittadinanza ed i responsabili del settore

In atto la cooperativa è impegnata nella realizzazione di una serie di interventi socio - psico - pedagocici, fra i quali il servizio di consulenza e di sostegno psicologico " , rivolto alle famiglie affidatarie ed adottive del comprensorio nisseno (Caltanissetta, San Cataldo, Riesi, Sommatino e Delia).
 

inona-home

Affari Sociali, Comune di Caltanissetta, Via Tumminelli, 1
inona-phone +39 0934 542819
inona-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
inona-time Martedì dalle ore 9.30 alle ore 12.30
inona-time Lunedì e Giovedì dalle 15.30 alle ore 18.30

Linea-grigia

Ufficio di Staff

Maria Grazia Cinardi (Psicologo)
Marinella Faletra (Psicologo)
Maria Gilda Lionti (Pedagogista)
Giuseppa Li Vecchi (Psicologo)

Questo sito web è stato realizzato dalla società Skerma www.skerma.it

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi altre informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione